• Viale Bovio 483 - Pescara
  • +39 085 377197
16 mar. 2020 Autore: Pubblicato in: Consigli alimentari 0 Commenti

La dieta in quarantena: i consigli del dietologo

Molti di voi in questi giorni di quarantena temono di mettere qualche chilo di troppo, a causa della vita sedentaria e della “fame da noia”.

Il dietologo Giorgio Calabrese, consulente del Ministero della Salute, spiega come mantenere, anche durante questo periodo difficile, una corretta alimentazione: «La premessa è che ci muoviamo poco, sprechiamo poche energie rispetto al normale e questo è un problema a cui dobbiamo far fronte. Va da sé che è cruciale ridurre il numero di calorie che dobbiamo assumere, diciamo nella misura di 300 al giorno in meno».

«Dobbiamo sempre e comunque rispettare la formula della vita – continua Calabrese – che consiste nel consumare comunque 5 pasti al giorno. I pasti però vanno tarati nelle quantità tenendo presente che la depressione o lo stato di ansia e paura in cui stiamo cadendo produce comunque adrenalina e insulina, due ormoni che bruciano energie anche se non ce ne rendiamo conto, magari».

Per questo è necessario curare salute ed organismo, ma soddisfacendo palato e buon umore; bere un po’ di vino a pranzo e cena non guasta, senza tralasciare l’acqua durante tutto l’arco della giornata.

Ecco il regime alimentare da seguire secondo i suggerimenti del Dott. Calabrese:

Colazione: latte, tè o caffè; una fetta di torta o pane tostato con marmellata o miele o prodotti da forno ai cereali, meglio se accompagnati da frutta fresca o spremuta di frutta.

Merenda di metà mattina: Frutta secca o yogurt o prodotto da forno integrale.

Pranzo: deve essere leggero, ma energetico e quindi pasta o riso o patate o legumi. L’ideale è pasta e ceci, pasta e fagioli, pasta e lenticchie che sono piatti molto digeribili, senza grassi e ricchi di fibra alimentare che serve a stimolare il senso di sazietà e far assorbire meno zuccheri e grassi. A questo associamo verdura cotta o cruda di stagione e italiana. Infine frutta fresca e agrumi che aiutano gli anticorpi.

Merenda pomeridiana: un gelato alla frutta è consigliato, altrimenti una bevanda calda con un prodotto da forno.

Cena: un passato di verdura o di legumi si può aggiungere ad un secondo piatto come carne bianca, rossa, formaggi, uova, pesce. È concesso anche un panino integrale.

Acqua: importantissimo è bere una giusta quantità di liquidi durante tutto l’arco della giornata. La quantità suggerita è di 8-10 bicchieri di acqua. Non rinunciamo anche a mezzo bicchiere di vino a pranzo e a cena, meglio se rosso, per la salute e il buon umore.

 

Altri consigli:

Se ci sentiamo giù di morale o sentiamo di non essere al 100%, il cioccolato al latte è un valido supporto, perché grazie al triptofano produce serotonina, l’ormone del buon umore.
Per combattere, invece, la cosiddetta “fame da noia” è utile tenere sempre a portata di mano finocchi crudi, una mela o una pera per soddisfare la voglia di sgranocchiare qualcosa.

Info sull'autore:

Non ci sono ancora commenti, non lasciarti scappare questa occasione, commenta per prima!